Al ballo in maschera con l’Otello di Lermontov

Se ricevessimo un invito ad un sontuoso ballo in maschera nei salotti pietroburghesi dell’Ottocento, nientemeno che da parte di Lermontov, come potremmo rifiutarlo? Dunque, indossiamo il miglior abito, e soprattutto il pezzo forte: una maschera, di quelle in stile veneziano, riccamente decorata e seducente. Per una sera potremo essere chi desideriamo, e contare soltanto sulla nostra voce e le nostre … Continue reading

L’era dei cimiteri virtuali

C’è un racconto di Lev Tolstoj chiamato “Tre morti”. Si tratta della descrizione di tre differenti morti di esseri viventi: quella di una signora borghese, di un postino e di un albero. Oggi, a quei tre esempi, ne aggiungerei un quarto: la morte di un uomo al tempo dei social network. Nella mentalità russa, stando a Tolstoj, la morte è … Continue reading

La sonata a Kreutzer di Tolstoj: tra nichilismo e puritanesimo

Ciò che mi colpisce nell’opera di Tolstoj “La sonata a Kreutzer”(Крейцерова соната) è il contrasto sfacciato che si respira leggendola: tra il pessimismo talmente pronunciato da sfociare nel nichilismo e l’ideale puritano, cristiano che di fondo emerge come perduto. Sciocco non pensare che nelle parole del controverso protagonista e uxoricida, Pozdnyshev, non sia racchiuso il pensiero dell’autore riguardo al decadimento … Continue reading