Lezione 5- i casi e i nomi

I NOMI RUSSI e i CASI 

In russo ci sono 3 generi per i nomi: MASCHILE, FEMMINILE e NEUTRO. Dunque, ne hanno uno in più dell’italiano. Generalmente, per capire se un nome è maschile o femminile o neutro basta prenderlo al caso nominativo singolare e guardare l’ultima lettera, in questo modo:

-FEMMINILI: terminano per -a:  мама (mamma), картошка (patata), звезда (stella),  oppure per -я, -ья: регистрация (registrazione), станция (fermata), свинья (maiale), семья (famiglia)

-MASCHILI: terminano per consonante: стол (tavolo), потолок (soffitto), компьютер (computer)

-NEUTRI: terminano per -e, -o, -ие:   горе (dolore), пятно (macchia), здание (edificio)

Troppo facile? Aspettate a dirlo. Ovviamente ci sono numerose ECCEZIONI:

-Nomi che terminano in ь (il famoso segno molle): possono essere sia maschili che femminili. Come distinguerli? Bisogna studiarli a memoria. Ad esempio, любовь (amore) è un nome femminile ma читатель (lettore) è un nome maschile. Si coniugano in maniera diversa negli altri casi, come vedremo poi.

-Nomi che terminano in -ий, -ай -ей, -ой: sono sempre MASCHILI e hanno una coniugazione un po’ diversa. Ad esempio, случай (caso), обычай (uso, costume), воробей (usignolo), Сергей (Sergey- nome proprio), Достоевский (Dostoevskij).

-SINGOLARE E PLURALE: NOMI DIFETTIVI

Vi sono nomi che si usano solo al singolare, ad esempio: nomi di molti vegetali: картошка (patata) капуста (cavolo) марковка (carota) лук (cipolla) малина (lampone) свекла (barbabietola) nomi di alimenti, come: молоко (latte) мука (farina) сахар (zucchero) рис (riso) соль (sale) масло (burro) e nomi collettivi come: мебель (mobili) обувь (calzature) спорт (sport) посуда (stoviglie) одежда (abbigliamento)

Vi sono nomi che si usano solo al plurale, ad esempio: брюки (pantaloni) весы (bilancia) очки (occhiali) трусы (mutande) ножницы (forbici) часы (orologio).

Ovviamente ciò che in italiano è nome maschile o femminile non sempre corrisponde al russo, dove per esempio папа (papà) è un nome con desinenza femminile ma di genere maschile (si coniuga però come un nome femminile) e любовь amore, è una parola di genere femminile (difettiva: esiste solo al singolare). Anche il neutro non comprende parole con un senso particolare o diverso dal maschile: è semplicemente un ulteriore genere, cui appartengono parole sempre INANIMATE. In russo, vedremo poi studiando i casi e le coniugazioni dei nomi, c’è una distinzione importante tra cose animate (esseri umani, animali, insetti) e inanimate per quanto riguarda il caso ACCUSATIVO e genitivo.

I CASI RUSSI

In russo si usano 6 casi:

  • иментительный падеж, caso nominativo (soggetto) risponde alla DOMANDA: chi? che cosa? кто? что?
  • родительный, genitivo  (complemento di specificazione) DOMANDA: di chi? di che cosa? кого? чего?
  • дателный, dativo (complemento di termine) DOMANDA: a chi? a che cosa?  кому? чему?
  • винтиельный, accusativo (complemento oggetto) DOMANDA: chi? che cosa?  кого? что?
  • творительный, strumentale (complemento di compagnia, mezzo) con chi? con cosa? (с) кем? чем?
  • предложный, prepositivo  (complemento di argomento) su chi? su cosa?  (о) ком, о чем?

Naturalmente l’uso dei complementi legati ai casi non si limita a quelli indicati (nominativo con il soggetto, genitivo con il complemento di specificazione, e così via) ma in russo vi sono molti verbi e preposizioni che reggono casi specifici. Lo STATO IN LUOGO e il MOTO A LUOGO sono espressi, rispettivamente, dal caso prepositivo e dall’accusativo. Più avanti lo vedremo.

I nomi russi si coniugano secondo i 6 casi, e il loro suffisso muta a seconda del caso. Come sappiamo, i nomi sono di 3 generi (maschile, femminile e neutro). Vediamo le tre coniugazioni per genere e numero:

MASCHILE  e NEUTRO Singolare e Plurale  (cose inanimate e animate)

tavolo (maschile inanimato)          ingegnere (masch. animato)                       mare (neutro)
sing    plur                                     sing         plur                                      sing      plur
n.  стол      столы                          инженер      инженреы                         море     моря
g.  стола    столов                       инженера      инженеров                       моря     морей
d.  столу    столам                      инженеру      нинженерам                     морю    морям
a.  стол     столы                         инженера        инженеров                       море     моря
s.  столом    столами                 инженером    инженерами                   морем   морями
p.  столе    столах                     инженере        инженерах                       море      морях

dizionario (maschi inanimato in -b e in oй )

Per il genere maschile (e vedremo poi come per il femminile), va notato che in russo c’è da distinguere per le cose ANIMATE e INANIMATE. Quelle inanimate hanno l’accusativo (singolare e plurale) uguale al nominativo, mentre quelle animate (persone, animali, insetti- in russo ovviamente anche gli animali sono animati) hanno l’accusativo singolare e plurale uguale al GENITIVO singolare e plurale.  Parole maschili che terminano in ок, come ad esempio подарок regalo, e глоток, sorso, si coniugano invertendo le consonanti: глатка, глатки, глатков, глаткам…ma anche molti altri nomi come отец padre, che si declina: отца, отцом, отцы.. o anche certi nomi propri come Pavel, Павел, che al genitivo/accusativo singolare fa: Павла, e così via.

I nomi maschili che terminano in -ж, ч, ш, щ come ad esempio: пляж (spiaggia) o падеж (caso) o врач (medico), al genitivo plurale terminano in -ей: пляжей, падежей, врачей.

IMPORTANTE: dopo le consonanti г, к, х, ж, ш, щ non si può mai mettere la lettera -ы ma sempre -и.

Per il neutro, море “mare” e le parole che terminano con “e” hanno una coniugazione leggermente diversa da quelle che prima della “e” hanno la lettera ц, щ, come ad esempio сердце (cuore) зрелище (spettatore); anche da quelle che terminano con “o” o con il dittongo -ие. I nomi che terminano con -ие si coniugano in maniera simile a море, ma al genitivo plurale terminano in -ий. Ad esempio, здание (edificio) al genitivo plurale fa: зданий, così come соревнование (competizione, gara) che fa: соревнований.  Vediamo come si coniugano ad esempio ведро (vedrò), secchio, e здание (zdànie), palazzo e сердце, (sièrdtse), cuore.

ведро       вёдра                       здание    здания             сердце     сердца
ведра       вёдер                         здания    зданий              сердца     сердец
ведру       вёдрам                    зданию   зданиям            сердцу       сердцам
ведро      вёдра                       здание     здания              сердце      сердца
ведром     вёдрами                 зданием   зданиями          сердцом    сердцами
ведре        вёдрах                    здании     зданиях             сердце     сердцах

Per il genere femminile, i nomi generalmente si coniugano in questo modo:

лампа   лампы             книга   книги             женщина    женщины          семья   семьи

лампы    ламп              книги    книг              женщины    женщин           семьи  семей

лампе    лампам          книге     книгам         женищине    женщинам     семье   семьям

лампу   лампы             книгу     книги            женщину     женщин          семью   семьи

лампой   лампами       книгой   книгами      женщиной  женщинами   семьей  семьями

лампе     лампах          книге     книгах          женщине     женщинах    семье   семьях

Dove per i nomi del primo caso, come лампа si applica la coniugazione classica, mentre quando incontriamo nomi che prima della “a” finale presentano una consonante gutturale г к o consonanti come ж, ш, щ, х il loro nominativo plurale non avrà la classica desinenza -ы ma -и. Anche nel femminile abbiamo la distinzione tra oggetti animati e inanimati. Nel caso di quelli inanimati, l’accusativo plurale è uguale al nominativo plurale, mentre se sono animati (come nell’esempio della parola женщина, “donna”) l’accusativo plurale sarà uguale al genitivo plurale, che si forma prendendo la radice del nome, senza suffisso. Nel caso di alcune parole come кукла, bambola, игла, ago, il genitivo plurale si forma aggiungendo una lettera, in questo modo: кукол, игол.

-Nomi femminili come нелеля (settimana) o деревня (campagna), dove prima del suffisso – я c’è una consonante, al genitivo plurale fanno: недель, деревень

-NOMI MASCHILI  in -ь  e in -ой, ай, ей

словарь    словари             герой  герои                     житель   жители

словаря  словарей             героя   героев                  жителя    жителей

словарю словарям             герою    героям               жителю    жителям

словарь  словари               героя     героев                жителя      жителей

словарём   словарями        героем    героями           жителем   жителями

словаре   словарях             герое       героях             жителе     жителях

Questa è la coniugazione dei nomi maschili che terminano in -ой, ай, ей oppure in-ь, segno molle. Quelli femminili che terminano allo stesso modo dei maschili (in -ь) hanno una coniugazione diversa. Vediamo l’esempio di un nome animato e uno inanimato FEMMINILE in -ь:

porta (sing) (plur)                 suocera (sing)              (plur)

дверь       двери                       свекровь               свекрови

двери      дверей                      свекрови              свекровей

двери       дверям                    свекрови               свекровям

дверь        двери                    свекровь (= al nom)      свекровей  (= al genitivo)

дверью    дверями                свекровью             свекровями

двери      дверях                      свекрови                  свекровях

-NOMI MASCHILI in -ин:

Nomi maschili come: гражданин (cittadino), англичанин (cittadino inglese), инопланетянин (marziano, alieno) господин (signore) si comportano in modo diverso, specialmente al plurale nominativo e genitivo. Vediamo come:

singolare          plurale

граждани́н        гра́ждане
граждани́на    гра́ждан
граждани́ну      гра́жданам
граждани́на       гра́ждан
граждани́ном    гра́жданами
граждани́не       гра́жданах

ECCEZIONI: ci sono davvero innumerevoli eccezioni nella declinazione dei nomi russi. Ne esamineremo alcune fondamentali, che riguardano parole di uso davvero frequente. Per tutte le altre che troverete… non resta che segnarsele e impararle a memoria!

-Parole maschili come друг (amico) al plurale si declinano così: друзья (nom.plur),  друзей (genitivo plur). Allo stesso modo сын (figlio) diventa: сыновей (gen.plur).

-Il nome neutro крыло (ala) al plurale aggiunge -ь: крылья, крыльев, крыльям…

-Una parola  molto usata, деньги (soldi) è difettiva perché esiste solo al PLURALE e al genitivo plurale diventa: денег (pronuncia: dièniek).

-Nomi femminili come мать (mamma) al plurale diventano: матери (nom plur) матерей (gen.plur) così come дочь, дочери, дочерей.

-Nomi neutri in -мя aggiungono una desinenza nella declinazione: время времени (gen.sing) времена (nom plur) времен (gen plur) e la parola  имя (nome), имени имена имён (gen plur). Nomi neutri come небо (cielo) al plurale diventano: небеса (nom plur) небес (gen plur) così come чуда (miracolo): чудеса, чудес.

ESEMPI DI UTILIZZO:

L’utilizzo dei casi corretti è essenziale perché una frase in russo abbia senso. E’ evidente che, sbagliando anche solo una desinenza, il senso della frase può cambiare completamente, come in questo esempio:

  • Встретила подругу в парке (ho/ha incontrato un’amica al parco)- qui la parola подруга (amica) è all’accusativo (è complemento oggetto), dunque il verbo встретила (ho incontrato, al femminile) si può riferire solo al soggetto mancante (я, io, ad esempio, oppure un’altra persona). L’amica viene incontrata al parco, non è soggetto.
  • Встретила подруга в парке   (Un’amica al parco ha incontrato…)- qui la parola подруга è al nominativo (è soggetto), dunque è l’amica ad incontrare al parco qualcuno (manca il complemento oggetto).

Nell’uso dei casi è leggermente avvantaggiato chi a scuola ha studiato latino e/o greco, anche se ovviamente noterete che in russo i casi sono diversi, hanno desinenze diverse e ad ogni modo ogni verbo e sostantivo regge un preciso caso secondo regole che, per lo più, vanno imparate a memoria. Per i russi è automatico scegliere il caso giusto in una frase, per noi molto meno. Bisogna allenarsi. Un trucco meno sciocco di quanto si possa pensare è, inizialmente, quando non si ha ancora dimestichezza con i casi, pronunciare le parole “a metà”: dopo l’accento, farle scivolare via senza scandire in modo chiaro il finale. In questo modo, vi salverete da eventuali errori e i russi intuiranno ugualmente cosa volevate dire e con quale caso.

-Facciamo degli esempi di utilizzo dei casi con una parola di genere femminile, мама (mamma):

Мама- самый любимый мной человек (la mamma è la persona che amo di più) mamma è soggetto quindi al nominativo

Это- книга мамы  (questo è il libro della mamma) dove mamma è complemento di specificazione, al genitivo

Я даю подарок маме  (io dò un regalo alla mamma) dove mamma è complemento di termine, al dativo

Я ищу свою маму  (io cerco la mia mamma)  dove mamma è complemento oggetto, quindi all’accusativo

Я с мамой  (io sono con la mamma)  dove mamma è complemento di compagnia, quindi allo strumentale, con la particella “c” (con)

Я о маме говорю  (io parlo a proposito della mamma) dove mamma è al complemento di argomento, al caso prepositivo, con la particella “o” (di, a proposito di, riguardo a)

  • VUOI CONTINUARE A IMPARARE IL RUSSO CON LE MIE LEZIONI? Non farti scappare il mio manuale di lingua e cultura russa “NON SOLO MATRIOSKE”!

Lo trovi su Amazon a questo link, in versione ebook o cartacea, a soli 2 euro e 99 o 11 euro! http://www.amazon.it/Non-Solo-Matrioske-Cultura-Letteratura/dp/153022828X/ref=sr_1_1?ie=UTF8&qid=1459345504&sr=8-1&keywords=non+solo+matrioske

Schermata 2016-02-25 alle 12.20.07

BUONO STUDIO! Per qualsiasi ulteriore informazione, non esitare a scrivermi!

2 thoughts on “Lezione 5- i casi e i nomi

    • Grazie a te! E’ talmente complessa la materia, c’è talmente tanto da dire, che sono felice che la spiegazione sia risultata chiara!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.