Gli italiani alle prese con il russo

Cosa distingue in russo dall’italiano, al di là dell’ovvietà della peculiarità delle regole grammaticali, che ogni lingua possiede? Cosa, per noi italiani, la rende una lingua particolare, interessante e a volte comica? Continue reading

La camera oscura di Nabokov: un romanzo precursore di Lolita

La “Camera oscura” di Nabokov, meglio noto come: “Una risata nel buio”: geniale romanzo del ’32, ispiratore e precursore del ben più noto Lolita. Continue reading

L’oblomovismo e il regno della profondissima quiete

L’oblomovismo e il regno di profondissima quiete: la scelta esistenziale di Oblomov nel celebre romanzo di Goncharov Continue reading

Il poeta Derzhavin, conservatore e sovversivo

Il nome Derzhavin campeggia in Russia in molte strade, università, scuole ed è considerato un grande poeta della seconda metà del Settecento, esponente del classicismo. Vorrei però evidenziare che etichettare Derzhavin come conservatore potrebbe essere superficiale, poiché i suoi versi racchiudevano un pensiero insolito per l’epoca, a volte addirittura sovversivo. Derzhavin era di origini tatare. Chi sono i tatàri? Con il termine si intende un’etnia … Continue reading

Parlo, dunque sono: pensare “alla russa”

C’e’una fortissima correlazione tra pensiero e linguaggio, spesso difficile da accettare. Il primo determina e stabilisce il secondo, eppure ne viene limitato enormemente, al punto che spesso sembra che i veri “padroni” dei nostri pensieri siano proprio loro: la struttura grammaticale delle frasi, le parole, i tempi verbali. Tutto ciò potrebbe suonare scontato, ma è soltanto a partire dal secolo scorso che … Continue reading

Platonov, lo scrittore della vita e della morte

В прекрасном яростном мире, “Il mondo è bello e feroce“. Affermazione affascinante e innegabile. E’ il titolo di una raccolta di racconti di Andrej Platonov, lo scrittore russo originario di Voronezh. Personalmente adoro le raccolte di racconti, e mi dispiace che siano considerate, dall’editoria contemporanea, per lo più obsolete. Non c’è niente di più gradevole e rilassante, in certi momenti, … Continue reading

Il russo: una lingua che descrive un mondo

La lingua russa vista da uno straniero appare arcana ed elegante, quasi gotica, con le lettere cirilliche, simili a quelle greche, eppure intricate, indecifrabili. Lo stampatello è solenne, ha l’austerità dell’iscrizione, del precetto, dell’ideale. Il corsivo è oblungo ogni lettera assomiglia alla precedente, scorre liscio come un mare di onde. Un minuscolo segno a forma di piccola b ammorbidisce ogni … Continue reading

Curiosità alla russa

Vorrei illustrare alcune curiosità della cultura russa. Si tratta di leggende, pezzi di storia, etimologie di nomi molto comuni ma la cui origine si confonde tra realtà e fantasia. Probabilmente saranno già note a molti di voi, ma per un italiano che si reca per la prima volta in Russia potrebbero risultare del tutto nuove. 1)E’ buffo come quasi ogni … Continue reading