Racconti offesi: una raccolta di racconti

Cari lettori,

finalmente la mia raccolta di racconti è diventata un libro!

Se vi piace leggere e amate leggere qualcosa di vario, di breve, senza un ordine preciso; se vi piace leggere e giudicare, allora questa raccolta fa per voi.

“Racconti offesi” è la mia raccolta di racconti che include quelli migliori scritti negli ultimi 10 anni. Erano pensati per partecipare a concorsi letterari o anche scritti  Il genere è molto vario, vanno dal racconto surrealistico, a quello onirico, fantascientifico, umoristico. Le tematiche principali sono la Russia e il circo russo, la società contemporanea, la teologia, l’arte.

La cosa bella è che questa raccolta è un libro “vivo”, in divenire: verrà costantemente aggiornata e ampliata con i nuovi racconti che scriverò a mano a mano.

Sono racconti “offesi” perché molti di loro non hanno vinto alcun concorso letterario (effettivamente certi non avrebbero potuto; altri neppure hanno mai partecipato, non ne erano degni; altri, in particolare un paio, a mio avviso, avevano una chance e sono stati ignorati). In generale sono tutti un po’ risentiti anche perché quasi nessuno li legge: le raccolte di racconti, chissà perché, oggi sono passate di moda, non vendono.

Io credo invece che un’antologia di racconti sia una lettura piacevole e veloce e che la bellezza di un racconto in generale stia proprio nella sua brevità e nella capacità di immergere rapidamente il lettore in un mondo parallelo. Inoltre sono generalmente molto curati: la sintesi permette un’accurata selezione dei vocaboli, e così i racconti sono come la vita: poiché finiscono in fretta, si cerca di sfruttarne al meglio le poche righe e di dare il massimo.

W i racconti, dunque. Quelli più riusciti e quelli meno.

Per la mia raccolta di racconti “RACCONTI OFFESI”, clicca qui: https://www.amazon.it/Racconti-offesi-di-Valentina-Moretti-ebook/dp/B01KD9X4P0/ref=sr_1_1?ie=UTF8&qid=1471168232&sr=8-1&keywords=racconti+offesi

Schermata 2016-08-14 alle 11.54.32

Precedente Dio per i russi e non solo Successivo La roulette russa tra passato e presente