Orgasmo a Mosca: un romanzo geniale

Recensione di “Orgasmo a Mosca”, geniale romanzo satirico-demenziale di Hilsenrath Continue reading

Il circo dell’impossibile- romanzo sul circo di Mosca

Cari lettori, sono lieta di annunciarvi la (auto) pubblicazione del mio nuovo romanzo, “Il circo dell’impossibile”. Lo potete acquistare su Amazon o su Ilmiolibro, nel formato che preferite: -in versione cartacea al modico prezzo di 9,90 euro, qui: http://www.ereticaedizioni.it/?product=valentina-moretti-il-circo-dellimpossibile -in versione e-book, all’ancor più modico prezzo di 2,99 euro, qui: http://www.amazon.it/gp/product/B019HQNJTG?keywords=Il+circo+dell&qid=1450435297&ref_=sr_1_5&sr=8-5 -oppure qui, in carta o ebook: http://ilmiolibro.kataweb.it/libro/narrativa/267846/il-circo-dellimpossibile/ “Il circo dell’impossibile” è in gara al concorso … Continue reading

Erofeev, il Bukowski russo

A Mosca c’è un monumento, alla fermata del metro Dostoevskaja, nella “piazza Borby” (della battaglia), dedicato ad uno scrittore degli anni ’70 che potrebbe essere definito il “Bukowski russo“. Si tratta di Venedict Vasilevich Erofeev, morto nel 1990 a Mosca. La statua ritrae un uomo con una borsa, che si appoggia fiaccamente ad un rettangolo metallico, con scritto sotto: “Non ci … Continue reading

L’ippodromo di Mosca: un posto congelato

Ci sono luoghi al mondo dove pare di essere catapultati in una sorta di paradigma, di stereotipo. Hai un’immagine mentale di un certo posto, di certe persone, e la cerchi come un rabdomante, da turista, avido dell’attimo che rappresenta un’idea sepolta nella tua coscienza. Quando la trovi, scatti una foto e quell’attimo diventa un eterno stampo di un’idea classica: una … Continue reading

Il circo di Mosca tra finzione e realtà

Recentemente è stato pubblicato un mio racconto, intitolato: “Sogno di un clown”, sull’antologia “Che rumore fa la città”, edita dalle edizioni Senso Inverso di Ravenna. Il racconto, come si evince dal titolo, parla di un clown, ed è ambientato al circo di Mosca. Vorrei raccontare un breve episodio al riguardo. Mi è capitato di visitare il circo di Mosca, quello … Continue reading

La rivoluzione parte dal fuoco: il fuochista di Yaroshenko

Ecco un altro dipinto della galleria Tretyakovskaya di Mosca che lascia esterrefatti. Il “fuochista” Кочегар (1878) del pittore Yaroshenko è un vero e proprio capolavoro della pittura russa. Già soltanto il fatto che il dipinto sia interamente rosso, gli dona un fascino sinistro ed irresistibile. Le fiamme del fuoco ci portano dritti all’inferno della società industriale. Si potrebbe definire il dipinto assai … Continue reading

“La vita è ovunque” di Yaroshenko: la libertà esiste?

Un altro dipinto che ha avuto un grande impatto, sempre alla mia amata galleria Tretyakovskaya di Mosca, è Всюду жизнь, “La vita è ovunque“(1888) di Yaroshenko. Il pittore ucraino di Poltava ritrae un carro (un vagone verde) dei carcerati, in cui da una finestrella con le sbarre sono visibili tipologie diverse di persone: una vedova vestita di nero, un bambino, … Continue reading

Viktor Tsoy e i Kino: un gruppo sottovalutato fuori dalla Russia

Uno dei miei gruppi musicali russi preferiti è Kino, uno storico gruppo sovietico anni ’80, il cui leader è il mitico Viktor Tsoy, dall’aria orientale perché suo padre era coreano. La rock band ottenne il picco di popolarità intorno alla fine degli anni Ottanta. Parteciparono al festival “Back to the USSR” in Italia, in quel di Melpignano. C’è chi definisce … Continue reading

Repin e il mistero di un ritratto inquietante

Dopo aver visitato per la prima volta la galleria Tretyakovskaya, c’era un quadro  di cui mi ricordavo, ma non potevo dire di saper qualcosa di lui. Si trattava di un ritratto. Non mi sovveniva più chi ne fosse l’autore (forse Repin?) e non avevo idea di chi raffigurasse. Di lui ricordavo solo che era un uomo paffuto, dal naso rosso da … Continue reading

5 quadri indimenticabili alla Tretyakovskaya, sotto il segno del Male

Visitare la Galleria Tretyakovskaya è un must di ogni soggiorno a Mosca che si rispetti. Per coglierne a pieno ogni angolo, servirebbe più di un giorno. Grazie alla disposizione dei quadri, ordinati dalla fine del 1600 ai giorni nostri (con anche la sala sotterranea di arte antica, con le icone), è possibile gustare l’evoluzione della pittura russa, di pari passo … Continue reading

Cuori di cani… russi

I cani in Russia hanno una storia controversa. Nello stereotipo occidentale, i cinesi mangiano i cani; si potrebbe azzardare che i russi li usino come cavie. Questo per via della sorte del cane più celebre della storia: Laika. Il suo vero nome era Kudryavka, ricciolina, ma fu semplificato in Laika (dal termine russo лай, lay, abbaio) perché fosse più facile … Continue reading

L’uomo che dipingeva le matrioske

“L’uomo che dipingeva le matrioske“. Potrebbe essere un ottimo titolo per un film o un libro. Questo uomo esiste davvero. Ne esistono molti in Russia, a dirla tutta, di questi artigiani che dipingono le matrioske su ordinazione, dando loro il volto di una persona. Può essere un’idea regalo divertente. Una mia collega, mentre lavoravamo a Mosca, mi chiese aiuto perché … Continue reading

Gli italiani in Russia

Che cosa colpisce subito gli italiani in Russia? Come l’italiano affronta le difficoltà alimentari e le diversità culturali durante la sua permanenza in Russia? Scopritelo sul giornale online MOSCOWITA al link: http://moscovita.it/italiani-in-russia-10-cose-che-li-colpiscono/4799 Vi consiglio, a questo proposito, la visione del divertente film sovietico: “Невероятные Приключения итальянцев в России”.