Dio esiste? Chiediamolo ad Ivan Karamazov

Dio esiste? Ivan Karamazov e una delle migliori argomentazioni dell’impossibilità morale dell’esistenza di Dio, emblema dell’ateismo ottocentesco Continue reading

La Venezia di Brodskij: le Fondamenta degli incurabili

La Venezia di Brodskij: le Fondamenta degli Incurabili. La descrizione più suggestiva di Venezia del poeta premio Nobel russo Continue reading

La felicità è stupida

La felicità è stupida. Le poesie di Esenin e il concetto di felicità: appannaggio delle persone semplici o rarità, serenità e calma o potenza delle emozioni? Continue reading

Pensieri di un anonimo nichilista: Dostoevskij e Camus

Pensieri di un anonimo nichilista: Dostoevskij e Camus. Se la vita non ha senso perché è finita, se non ci sono valori in cui credere, come agire? Cosa pensare? Ripercorrendo i temi del nichilismo russo, cercheremo di dare una risposta. Continue reading

Parlo, dunque sono: pensare “alla russa”

C’e’una fortissima correlazione tra pensiero e linguaggio, spesso difficile da accettare. Il primo determina e stabilisce il secondo, eppure ne viene limitato enormemente, al punto che spesso sembra che i veri “padroni” dei nostri pensieri siano proprio loro: la struttura grammaticale delle frasi, le parole, i tempi verbali. Tutto ciò potrebbe suonare scontato, ma è soltanto a partire dal secolo scorso che … Continue reading

La bellezza salverà il mondo?

“La bellezza salverà il mondo“. Celeberrima frase che il principe Mishkin pronuncia ne l’Idiota di Dostoevskij. In russo, bellezza è красота krasotà. La radice è краса, “krasa” un’antica parola slava che connota appunto il bello. Da essa derivano la parola красный krasnij, rosso, e la parola слава slava, gloria. Ne l’Idiota troviamo l’espressione “Мир спасет красота”, mir spaset krasotà, che letteralmente sarebbe: … Continue reading

Il peccato nella mentalità russa: dal cosacco di Lugansk a Dostoevskij

Cosa implica per i russi la parola грех, (grekh), peccato? Com’è concepito e rappresentato il peccato nella mentalità russa? Guardando all’etimologia, il termine è connesso con quelli dell’antica lingua russa гретъ, bruciore, съгряза sbaglio, confusione, e грязь sporcizia. Inizialmente nel vocabolario è introdotto in connessione alla religione, a significare deviazione, trasgressione rispetto al volere di Dio. Più in generale, implicherà la non osservanza … Continue reading

La rivoluzione parte dal fuoco: il fuochista di Yaroshenko

Ecco un altro dipinto della galleria Tretyakovskaya di Mosca che lascia esterrefatti. Il “fuochista” Кочегар (1878) del pittore Yaroshenko è un vero e proprio capolavoro della pittura russa. Già soltanto il fatto che il dipinto sia interamente rosso, gli dona un fascino sinistro ed irresistibile. Le fiamme del fuoco ci portano dritti all’inferno della società industriale. Si potrebbe definire il dipinto assai … Continue reading

L’amore non ricambiato da Platone a Gorkij: si può guarire dall’illusione?

Si può passare la propria vita ad amare senza esser ricambiati? Si può guarire da un’ossessione d’amore? Quello dell’amore non corrisposto è un topos letterario struggente. Gli amori impossibili sono ossessioni logoranti che talvolta conducono alla pazzia e all’annullamento totale. Tra tutti, il più funesto è proprio quello a senso unico. Scriveva Maksim Gorkij: “di tutte le beffe che la sorte … Continue reading